skip to Main Content

Gestione intermodale e integrata dei servizi TPL

Gestione intermodale e integrata dei servizi TPL con la nuova MAIOR Suite

A partire dal 2021 si è verificata in tutto il mondo una forte ripresa da parte delle aziende TPL delle diverse forme di mobilità. Questo è dovuto alla crescita della domanda del servizio da parte dei passeggeri per ritornare al livello pre-covid o per adeguare l’offerta del servizio alle nuove esigenze richieste.

L’obiettivo della ripresa è quello di supportare gli operatori fornendo dei servizi di pianificazione ottimizzata e di aumentare l’attrattività del servizio, costruendo un servizio che sia competitivo rispetto alle altre forme di spostamento.

 

Come si può aumentare l’attrattività del servizio?

Aumentando l’intermodalità, l’interoperabilità e l’intero bacino dei servizi di trasporto, e creando un servizio che sia in rete con gli altri attori presenti sul territorio per fornire una mobilità integrata a cui gli utenti possono accedere facilmente.

E’ importante aumentare la qualità del servizio, cercando però di non aumentarne i costi operativi.

aumentare l'attrattività dei servizi TPL

Quali strategie si possono mettere in atto per aumentare la qualità del servizio?

Le strategie che vengono utilizzate sono le seguenti:

– Corridoi urbani: reti di trasporto pubblico nelle quali le varie linee possono condividere tratte, fermate o essere legate fra di loro con percorsi contigui o vicini.
In questi casi è possibile pianificare il servizio con una visione d’insieme a livello di frequenze, passeggeri trasportati, veicoli disponibili o origine/destinazione fornita che offra un’esperienza migliore ai cittadini e costi di esercizio ridotti per l’azienda esercente (in termini di numero di veicoli e tempi di sosta inoperosi).

– Alternanza tra linee differenti, il bilanciamento degli assestamenti su più capolinea. L’obiettivo è creare una regolarità del servizio lì dove si hanno linee che originano da capolinea differenti ma raggiungono uno stesso punto. Creare la giusta alternanza tenendo conto della domanda che la stessa linea intercetta, però sempre provando a bilanciare gli assestamenti in modo tale da portare l’utenza a non dover aspettare troppo alla fermata, intercettare la linea giusta senza sbagliare origine o destinazione.

– Regolarizzare la frequenza tra veicoli , cioè l’ottimizzazione di orari su più linee che hanno tratte in comune. L’obiettivo è quello di regolarizzare la frequenza tra i veicoli così da preservare le risorse e aumentare l’offerta percepita. Riuscire a condividere i veicoli tra linee differenti per minimizzare l’impatto rispetto alle risorse che l’azienda può mettere a disposizione.

– Corse a supporto di linee principali: creare linee principali e linee definite dell’ultimo miglio. Creare connessioni tra servizi differenti, tenendo conto anche delle variabilità.
L’obiettivo è di portare passeggeri verso linee con grossa portata.

La Suite MAIOR per il TPL

Queste strategie da sole però non sono sufficienti, per questo la Suite MAIOR per il trasporto pubblico offre degli strumenti che se associati alle strategie permettono agli operatori di trasporto di creare servizi efficaci ed efficienti.

La Suite MAIOR per il TPL

ARGOMENTI CORRELATI

Partnership tra M.A.I.O.R. e Transdata
intelligenza artificiale e trasporto pubblico
Come il Machine Learning migliora la gestione dei contratti tra autorità e operatori nel trasporto pubblico
Back To Top